Iniziazione al kriya yoga in Italia


Furio's kriya yoga home page

(Per vedere bene la pagina dovete impostare caratteri di dimensioni medie nel vostro browser - risoluzione consigliata: 1024x768)



L'altare di meditazione del CSA - Lakemont (USA)

"Il Kriya Yoga si diffonderà in tutte le terre"
(Mahavatar Babaji)

Center for Spiritual Awareness

Gruppo di meditazione affiliato

This page has been translated into english



Prossimo seminario e iniziazione al kriya yoga: Aprile 2013


Un caro saluto a tutti i visitatori di questo sito. Essere iniziati al kriya yoga non significa semplicemente apprendere una tecnica meditativa, oppure cercare di conoscere superficialmente qualcosa di esotico o esoterico. Ricevere l'iniziazione significa entrare in contatto spirituale sottile con la catena di maestri realizzati della nostra tradizione (Babaji, Lahiri Mahasaya, Sri Yukteswar, Paramahansa Yogananda e i loro successori), cercare di vivere una vita ordinata e onesta, impegnarsi a praticare la meditazione al meglio delle proprie possibilità e porsi nella vita gli obiettivi primari della liberazione della coscienza e della realizzazione di Dio.

Praticare il kriya yoga non è difficile; occorre solamente avere la costanza di meditare tutti i giorni, il coraggio di vivere nel modo giusto e la voglia di crescere. Alcune persone, anche sincere nel loro modo di approcciarsi a queste cose, hanno l'abitudine di interessarsi superficialmente ai percorsi esoterici mosse da curiosità o dall'entusiasmo emotivo del momento. Sempre la stessa tipologia di persone, dopo poco tempo, tende a dirigere la propria attenzione verso altre discipline, spesso pensando di trovare qualcosa di più "elevato", "nuovo" o interessante. Il mio guru-insegnante Roy Eugene Davis definisce con simpatia questa tendenza comportamentale come "l'atteggiamento dello shopper" (letteralmente, "shopper" significa "compratore"). Il cercatore spirituale non è colui che prova ripetutamente tutti i sentieri senza mai soffermarsi su quello che impara, ma chi ne intraprende uno sforzandosi sinceramente di raggiungere dei risultati di valore. La realizzazione spirituale è il risultato di persistenza e profondità, non dell'accumulo superficiale di nozioni teoriche mai sperimentate a fondo. Per spiegare il concetto con una battuta: "E' meglio scavare un buco da 50 metri che 50 buchi da un metro". Chi salta in continuazione da un percorso ad un altro senza mai fermarsi non può ottenere risultati concreti.

Il kriya yoga è una pratica intrisa di una propria sacralità. Indipendentemente dal canale che scegliete per avvicinarvi ad esso, non si impara per semplice curiosità. Il mio guru-insegnante Roy Eugene Davis (discepolo diretto di Paramahansa Yogananda) mi ordinò ministro del Center for Spiritual Awareness nel 2005 e mi autorizzò in quel momento a dare l'iniziazione al kriya yoga a chi fosse meritevole di riceverla. Per essere meritevoli è sufficiente essere sinceri; non serve nessun'altra qualifica.

Negli anni settanta Roy Eugene Davis scrisse queste parole in un libro:

Ci prepariamo per l'iniziazione desiderando conoscere la verità e accertandoci che le nostre motivazioni siano pure. Chi vuole imparare segreti occulti per controllare gli altri o perseguire obiettivi egocentrici non è un candidato adatto per l'iniziazione. Qualsiasi risveglio possa manifestarsi in una persona simile non potrà fare altro che magnificare e complicare la sua vita già distorta. Cercare l'iniziazione, quindi, significa che una persona debba guardare nel suo cuore e prendere la giusta decisione in merito (...)"

L'iniziazione è un rito comune a molte tradizioni spirituali illuminate. La tradizione vuole che il kriya yoga si apprenda da un maestro o da un kriyaban (praticante del kriya yoga) delegato in tal senso da un maestro. Non si impara da un libro, con una e-mail, attraverso un sito web o con una telefonata. E' un percorso iniziatico, al quale è corretto dare la dovuta importanza. Il kriya yoga può essere praticato da chiunque sia ragionevolmente sano di mente. E' controindicato - come del resto tutte le pratiche meditative - per chi soffre di seri disturbi mentali (forti depressioni, schizofrenia, ecc.). Attraverso la pratica completa del kriya yoga (pratica quotidiana della meditazione unita a giusto vivere e giusto atteggiamento mentale) si accelera la propria evoluzione. La mia personale esperienza e quella di tanti altri rivelano che, iniziando a seguire questo sentiero, si intraprende un processo evolutivo progressivo di crescita personale e spirituale, la cui velocità è proporzionale all'intensità della pratica e alla capacità da parte del singolo di abbandonarsi nelle mani della Grazia di Dio (è un concetto del nostro sentiero che si comprende al meglio studiando e praticando).
Il kriya yoga - Breve presentazione di powerpoint

"Atma Bodha - La conoscenza del Sé" - commento di Roy Eugene Davis

Scarica gratuitamente questo libro. E' un ottimo testo per iniziare a comprendere la filosofia del Kriya Yoga

Per essere iniziati al kriya yoga contattatemi tramite e-mail. Normalmente chiediamo alle persone di partecipare ad uno dei seminari che organizziamo, durante i quali si imparano le tecniche di meditazione di base, dopodiché incoraggiamo le persone a praticare regolarmente per i mesi successivi e, se queste riescono ad essere regolari nella pratica e si rendono conto che quello del kriya yoga è il sentiero giusto per loro, possono essere iniziate in occasione del seminario successivo. Organizziamo i seminari di 3 giorni due volte l'anno. Fatta salva la quota modesta per il vitto e l'alloggio che si regola direttamente con la struttura ospitante, non ci sono altri costi poiché i seminari che organizziamo sono sempre a donazione libera.
Guarda il video del mio intervento al kriya yoga congress a San Jose 2010 (in Inglese doppiato in Italiano)


Contattatemi via mail - Tel. +393498335768 - Facebook: Furio Sclano


Perchè è importante cercare di essere illuminati? (tratto da un articolo di Roy Eugene Davis)

Quando la consapevolezza dell’anima si identifica (consciamente o inconsciamente) con il piano della natura, la sua relazione con le forze e le circostanze della stessa continua, fino a quando non si rimuove la consapevolezza da questo coinvolgimento. Le anime non coscienti, alla mercé delle circostanze, hanno tanta possibilità di scelta nel determinare il loro destino (le loro esperienze karmiche), quanto le persone ordinarie che dormono hanno la possibilità di scegliere i propri sogni. Le anime parzialmente sveglie, che hanno una certa comprensione, possono scegliere almeno in parte le loro circostanze e avere un controllo moderato su pensieri e stati di coscienza. Le anime pienamente risvegliate possono scegliere di vivere intelligentemente e liberamente in relazione ai processi della natura, oppure di ritirarsi a volontà dagli stessi (estratto dal commento alla Bhagavad Gita di Roy Eugene Davis - capitolo ottavo).
Per scaricare i files: cliccate sopra il link con il tasto destro del mouse e selezionate "salva oggetto con nome". Se cliccate semplicemente sul link vi sarà richiesta una password. Selezionate "annulla" e il file dovrebbe aprirsi ugualmente.
Libri da scaricare gratuitamente - Center for spiritual awareness (pagina in italiano)


"Leggi un pò, medita di più, pensa a Dio tutto il tempo"
(Paramahansa Yogananda)
Google

Volete ricevere gratuitamente informazioni sui nostri incontri? Iscrivetevi alla nostra mailing list:


Iscriviti a Gruppo_Kriya_Yoga_di_Savona
Powered by  it.groups.yahoo.com