Site hosted by Angelfire.com: Build your free website today!

Ciao Abruzzo.... La poesia di Marino

    

Siamo riusciti a fotografare la felicitÓ

Primo abbraccio in terra d' Abruzzo:

Mamma Gina

 

In me nasce un bambino che non Ŕ d'oggi soltanto.Un bambino di sempre che nasce da un bacio unico. Pi¨ spensierato di una prima farfalla. Alla mia sinistra due delle donne pi¨ importanti della mia vita....Donatella e mamma Gina        enio

 

Io scatto la foto....Sono davanti a questo  paesaggio femminile, come un bambino davanti al fuoco....vagamente sorridendo....con le lacrime agli occhi....ammiro lo  sguardo buono di mio fratello Luciano, la dolcezza di Martina, la simpatia di Giovanna e l'antico amore per mia madre, il nuovo sentimento per Donatella....sono felice....davanti a questo paesaggio dove tutto si agita davanti a me.....click

 


 

   

 

 

Sole d'Abruzze

Giulio Marino

Te stive appinnicÓ mmezz'a le n¨vele,

sole di magge,

gna calŔ la sere,

e t'arzelŔ lu lette la muntagne

tra tante cime

ricamate 'n ciele,

ma prime d'addurmirte sý guardate,

nghe l'occhie relucente, la vallate.

Nghe nu mumente hý fatte na pitture,

da mastre si signate li culure:

na l¨cia rosce

arrete a le culline

e n'ombra scure

sopra a li scrimune;

lu mare, 'n luntananze, cilistrine,

nu pahesette, tinte curalline....

Sole d'Abruzze,

de sta terra care,

che purte vita n˛ve da lu mare,

add˛,

tra rete e cante di muture,

t'abbije a salutÓ li piscature,

dopo che tu,

pe tutte la jurnate,

le live e la cambagne si scallate,

la sere,

a lu Gran Sasse e la Majelle,

ti mitte a pazzijÓ a nascunnarelle!

 

 


 

 

Traduzione

 

 

Ti stavi addormentando

in mezzo alle nuvole,

sole di maggio,

quando cala la sera ,

e ti prepara il letto la montagna

tra le cime

ricamate in cielo,

ma prima d'addormentarti

hai guardato, con gli occhi

rilucenti, la vallata.

In un momento hai fatto una pittura,

da maestro hai scelto i colori:

una luce rossa

dietro la collina

e un'ombra scura sopra le cime;

il mare, in lontananza, celestino,

un paesello, tinte coralline....

                   Sole d'Abruzzo,

di questa terra cara,

che porti vita nuova dal mare,

dove,

tra reti e canti di motori,

ti accingi a salutare i pescatori,

dopo che tu,

per tutta la giornata,

gli ulivi e la campagna hai riscaldato,

la sera,

tra il Gran Sasso e la Majella

incominci a giocare a nascondino!