Site hosted by Angelfire.com: Build your free website today!

Il sito non ufficiale del

Comune di
Palma Campania

provincia di Napoli

La Città Le Istituzioni La Discarica
by Fabienstein


dal 15 Maggio 1998
Aggiornato al 25.3.2001

Benvenuti nell'anti-pagina Web del Comune di Palma Campania, Capitale della Munnezza

Palma Campania è un ridente (ce n'è da piangere) Comune del Napoletano di circa 14,900 mila abitanti, 20 kmq di superficie. Si trova a circa 30 km dal capoluogo, alle falde del Monte S.Angelo, ultime propaggini del preappennino irpino, a soli 7 km da Nola (importante nodo commerciale) e 12 da Nocera, giusto al centro tra le frane di Sarno e Quindici. La montagna minaccia, ma sembra che nessuno ci creda (anche se la memoria dovrebbe pesare visto che già una frana una quindicina d'anni fa fece 8 vittime).

Unico mezzo "diretto" di collegamento è il servizio automobilistico della Circumvesuviana, il paese è soprattutto da visitare. Poi - molto probabilmente - non ci vorrete tornare più.

Come raggiungerla Il folklore/La cultura
La storia Personaggi illustri
La Discarica Scrivi al Sindaco

Come raggiungere Palma Campania

La posizione centrale di Palma Campania la rende teoricamente vicinissima a tutto, (dal sito ufficiale: "rispetto al baricentro regionale, [...] si colloca felicemente"). Praticamente è collegata a niente.

Le linee automobilistiche sono affidate alla Circumvesuviana, ma non sono affidabili (scusate il gioco di parole). I pullman di collegamento con il capoluogo ci sono uno ogni morte di papa e impiegano 90 minuti per fare 40 km al prezzo di 4,900 Ģit. (giusto giusto 2.50 €...) Comunque, per l'avventurosità del viaggio lo si consiglia come allenamento prima di fare le selezioni per il Camel Trophy.
A seguito dei ritardi oramai fisiologici, la sezione marketing della Circumvesuviana ha deciso con uno "scatto di pensiero" finalmente di utilizzare per il percorso la S.S. 268; ma poiché non si sa mai, le corse sono state ulteriormente anticipate ed avvicinate in un modo ridicolo.
Gli studenti, per arrivare all'Università per le 8.30 devono partire alle 6.30.

Il Comune non è nemmeno al corrente degli orarî...

Eccoveli:

Ma c'è anche il collegamento ferroviario FF.SS., sulla linea mercantile Cancello-Codola. Se si acchiappano le coincidenze giuste si arriva in 40 min da Napoli. Con la ristrutturazione delle Ferrovie dello Stato è stata soppressa la stazione (ma non la fermata, fortunatamente) Palma-S.Gennaro: non è più possibile acquistarvi i biglietti. I biglietti chilometrici non si sa chi li venda e se si fanno in treno, c'è un supplemento di Ģit. 5,000 per persona, in contraddizione con quanto pubblicato dalle FF.SS. su Internet. (Ne sono stato vittima quest'estate).

Mille grazie.

Gli orari:
Palma/S.Gennaro-Cancello
Cancello-Napoli C.le
dep-arr
dep-arr
6.41-6.59
7.04-7.25
6.48-7.06
7.14-7.37
7.13-7.32
7.57-8.18
7.49-8.08
8.14-8.37
8.46-9.03
9.15-9.39

Raggiungere Palma Campania è semplicissimo.


~ Il Carnevale palmese ~

Si ringrazia la redazione de Il Pappagallo per aver pienamente dimostrato le mie tesi.

Ogni anno, nel periodo del Carnevale, i Palmesi - che non vivono che per questo - ridanno vita ad una grande e meravigliosa festa popolare (così dicono) che in realtà salva solo le apparenze ed evita che si pensi a questioni reali, fornendo un pessimo esempio di come valorizzare un patrimonio culturale.
D'altrone ne parlano come di un evento turistico, ma in tanti anni non hanno nemmeno pensato di creare strutture ricettive. L'unico parcheggio "capiente" si trova in pieno centro, giusto di fronte al Palazzo Ducale, adibito alla festa. Viene bloccata la Circumvallazione, strada di grande traffico merci con enormi disagi.
Per l'affollamento la rissa è matematicamente certa.

Per i Palmesi il Carnevale è il Grande Taboo: guai a toccarlo! né si può metterlo in discussione o ridimensionare. Si gradirebbe che lo si riportasse alle sue naturali dimensioni (dura tre giorni e non un anno intero).
Interessante a questo punto un articolo di Umberto Eco sul Corriere della Sera del Gennaio 2001 dove si parlava della "carnevalizzazione" globale che la società italiana sta subendo. Mi sa che ha visto qualche immagine della manfestazione locale.

L'organizzazione del Carnevale prevede che i Palmesi si riuniscano in gruppi detti quadriglie, di 90-160 persone, e fanno abbondante casino per tre giorni, come si può ben notare dalla fotografia qui riportata. Tali gruppi sono completamente assenti negli altri Carnevali. Inoltre, è stata creato il falso storico secondo cui la quadriglia sia sempre esistita, mentre la prima è stata fondata da un gruppo di ragazzi universitarî (e per tale motivo chiamata dello Studente) negli anni '60.

Non ostante tutti gli sforzi che i locali compiono per pubblicizzare il Carnevale, Palma diventa nota sempre e solo per la munnezza. Per ulteriori informazioni, www.carnevalepalmese.com (eccezionale sito di masturbazioni mentali), Rete Civica di Palma Campania, Carnevale Palmese

La Cultura

Degne di nota sono però le iniziative cinèfile che Fuori Fuoco, il Circolo del Cinema locale, fondato da alcuni ragazzi univeristari/liceali (qualcuno in odore di "marchetting" elettorale), ha promosso. Nella scorsa estate sono stati proiettati gratis in pubblico films, nella indifferenza generale.
La proiezione nel rione Castello (primi di Agosto 2000) ha avuto una preparazione eccezionale da parte del Comune (esperienza diretta). Arrivati infatti con tutta il necessario, ci si è resi conto che gli operai del Comune non avevano provveduto a mettere a disposizione prese per l'apparecchiatura e a spegnere l'illuminazione pubblica intorno. All'ultimo minuto, dopo una mitragliata di telefonate, si sono presentati ed hanno premesso l'evento.


~ La storia ~

La storia di Palma Campania è arcinota: abitata sin dalla preistoria (i cui modi sono stati in gran parte conservati), avamposto osco (fraz. Castello), poi insediamento romano col nome di Teglanum per via di una fabbrica di tegole, localizzata nei pressi della frazione Castello (località Casa della Corte). Sempre in frazione Castello si conserva un solo muro dell'antica fortificazione distrutta a cannonate nel secolo scorso dall'esercito piemontese negli anni della lotta al Brigantaggio.

Sono conservate, in località "Toppa d'Ajello" due arcate di un acquedotto di età augustea

Del passato rinascimentale ne rimane il Palazzo Ducale (o Palazzo Aragonese) cinquecentesco, residenza di caccia degli Aragonesi, da cui si sono fregati tutto, che è stato occupato, sventrato, che giace in stato di completo abbandono, non ostante sia stato dichiarato monumento nazionale nel 1914 (?) proprio per evitare ogni scempio (vide Alisio, Il palazzo ducale di Palma Campania, in Napoli Nobilissima, Vol X, fasc.I ). Inutile dichiarazione, dato quello che gli è stato inferto. Incominciano a manifestarsi segni di un cedimento strutturale (Dic 1999, un balcone in basalto penzoloni che ha richiesto l'intervento dei Vigili del Fuoco di Nola, NA). Da visitare la cappella del palazzo ricoperta da parati.

In Comune sono fioccati per decenni i progetti di recupero che sono stati tutti accantonati perché non se ne vuole dare un destinazione d'uso.

Di questo stato di cose è stato informato nel Marzo 2000 - a mezzo email personale + foto - il Ministero dei Beni Culturali (con copia per conoscenza al Comune di Palma Campania), ma fino ad adesso silenzio assoluto. Anche l'iniziativa Bruttaitalia del WWF non ha voluto saperne. Mi sa che bisogna ricorrere alle querele.

L'edilismo selvaggio ha impossibilitato qualsiasi conservazione di beni ambientali e monumentali, diffondendo ovunque opere maestre di costruzioni (come direbbe Renzo Piano) "da geometri". Cubi di cemento, casuali, senza una benché minima regolarità o rispetto per l'occhio. Ultima novità è la risistemazione dello spiazzo della chiesa dei SS. Giovanni e Martino, in località Vico: mostruosità è dire poco.

Ma Palma Campania ha molte altre vestigia di un glorioso passato e, grazie alla straordinaria sensibilità culturale della popolazione, nel mese di giugno si svolge la manifestazione Apriti Sesamo (sostenuta dalla Provincia e dalla Regione) che da importante manifestazione per la riscoperta del patrimonio storico-monumentale si risolve, come molte altre cose serie (vide infra), in una carnascialata (cfr. Il Folklore).


~ Personaggi illustri ~

Palma Campania ha dato i natali a parecchi personaggi illustri: dal senatore Antonio De Martino, medico della casa Savoia che sentì i primi vagiti di Vittorio Emanuele III nel palazzo reale di Capodimonte, a Vincenzo Russo mente ed eroe della Rivoluzione Napoletana del 1799.

Proprio nel 1999 si sono svolti (si fa per dire) i cui festeggiamenti per il bicentenario della Rivoluzione Napoletana. Un'altra figurella. La manifestazione è stata prima sbandierata, poi iniziata sottotono e poi definitivamente annullata (con concomitante siluramento dell'Assessore competente). I Pensieri politici di Russo sarebbero dovuti essere distribuiti alla popolazione ma non se n'è vista l'ombra.
D'altro canto ciò ha almeno evitato una parata del Gruppo storico della Quadriglia Palmese, che non si sa cosa c'entrasse.

Ultimi attuali concittadini noti (nel senso che li sanno tutti): Il Presidente, il quale fa tante cose, e 'O Pazzo che, invece, non fa che dare i numeri.


~ Un messaggio al Sindaco ~

Siamo lieti di ospitare un servizio on-line: un messaggio al sindaco di Palma Campania (attualmente Carmine De Luca, CdL).
Gradiremo ricevere opinioni, suggerimenti, critiche, denunce per rendere un po' più decente questo nostro paese. Sempre che ascoltino.

Clicca qui

Attenzione!!! Questo link manda un messaggio di posta elettronica al Sindaco di Palma Campania, non è una posta a casaccio. Quindi collegate il cervello alla tastiera. È stata inserita per permettere alle voci di esprimersi con le autorità del Paese.
Pagina realizzata da Fabienstein
NOTA BENE: La pagina è in aperta "ostilità" con le politiche culturali locali. Tale posizione non ha relazioni alcune con movimenti o partiti politici, e la pagina è stata relizzata personalmente e in completa indipendenza. Per sentire l'altra campana visitate il sito vero.
[Fabienstein Home Page]  [Torna su]  [Il Presidente]