Site hosted by Angelfire.com: Build your free website today!

- DECRETO LEGGE URBANI -

una storia che si prende in giro da sola

 La mia critica al Decreto Legge Urbani
Il parere degli utenti

 

...NEWS...

 

10/06/2004

 

Denunciato il Sito del Ministero dei Beni Culturali

 

Proviene dal deputato europeo Marco Cappato (Lista Emma Bonino), in collaborazione con l'avvocato
Fabrizio Veutro e il direttore di Linux Magazine Emmanuele Somma, la denuncia contro il sito del Ministero
dei Beni e delle Attività Culturali
(www.beniculturali.it) per aver pubblicato un'ingente quantità di documenti
coperti da diritti d'autore senza adempiere agli obblighi imposti dallo stesso DL Urbani.

 

Come si dice in questi casi, "gli è tornato tutto indietro come un boomerang"...
Maggiori informazioni - condite dalle dichiarazioni di Marco Cappato - qui: http://punto-informatico.it/p.asp?i=48552

 

 

9/06/2004

 

30 Denunce: il DL Urbani colpisce

 

Pessime notizie per i benpensanti, quelli che "io scarico lo stesso tanto non mi beccheranno mai..." che ho sempre criticato:

ben 30 denunce sono partite dalla Guardia di Finanza a carico di utenti che condividevano file in

formato mp3 attraverso programmi P2P (http://punto-informatico.it/p.asp?i=47602).

Forse adesso finalmente vi renderete conto che NON SI SCHERZA PIU'.

 

Molto fieri di questa repressione fascista ed illiberale sono invece i portavoce delle Major (guarda caso), che convinti di

avere il coltello dalla parte del manico (cosa assolutamente NON vera) si lasciano andare alle più infelici dichiarazioni, come

nel caso di Jay Berman, presidente ed amministratore delegato di IFPI:

 

"... il pubblico sa che scaricare musica da internet è illegale e quanto questa pratica stia danneggiando

l'industria musicale..."

 

Sicuramente. E' infatti noto che artisti come Subsonica, Offspring e molti altri si sono schierati... IN FAVORE

dello scambio di file mp3, rendendo alcune delle proprie canzoni gratuitamente scaricabili direttamente dal loro sito ufficiale.

E le Major chi stanno rappresentando? I Metallica (gli unici fessi che si sono schierati contro il P2P)??

 Solo loro, però, dato che tutti (o quasi) gli altri vedono di buon occhio la diffusione dei propri brani in formato mp3.
Sarà che hanno già un sacco di soldi e "chi si accontenta gode"? Oppure sarà che lo scambio di file mp3 AIUTA l'industria musicale

diffondendo le opere di ingegno anche in posti dove non sarebbero diversamente reperibili e facendo conoscere gli artisti

e la loro musica a molte più persone??

 

Altro appunto: i marocchini che vendono CD piratati nei parcheggi dei supermercati... pensate di fare qualcosa o li lasciate lì?
No perchè loro di sicuro l'industria musicale sono lì a favorirla... e mentre loro la favoriscono io do soldi alle associazioni

a delinquere di stampo mafioso... oppure è l'esatto contrario?

 

Una frase, però, di Jay Berman mi trovo a condividere:

 

"... ma perseverano nella pratica, pensando di essere intoccabili."

 

Nulla di più vero.

NESSUNO E' INTOCCABILE - CAPACITATEVENE.

Staccate il P2P e fate valere i vostri diritti invece di affidarvi a vane speranze sprofondando nel passivismo più bieco

in attesa di una denuncia che, prima o poi, immancabilmente, arriva.

 

 

8/06/2004

 

Intervento di Marco Cappato (Lista Emma Bonino)

 

Molto sensate le parole di Marco Cappato - deputato Europeo della Lista Emma Bonino - nel

suo intervento in merito alla questione del DL Urbani:

 

"Il movimento del Software libero (che non significa necessariamente gratuito), che si basa proprio su sistemi P2P per diffondere, elaborare e migliorare i programmi Open Source non sarebbe mai nato o si sarebbe sviluppato illegalmente.
La pirateria informatica non si combatte condannando gli utenti della Rete al carcere o mettendo un carabiniere davanti ad ogni computer, ma attraverso una revisione del concetto di diritto d'autore e di proprietà digitale."

 

L'intero intervento è disponibile qui: http://punto-informatico.it/p.asp?i=48513

 

 

3/06/2004

 

Articolo su "La Stampa"

 

Apparso a quest'indirizzo http://www.lastampa.it/_web/_INTERNET/copyfight/default_copyfight.asp un
articolo di Stefano Porro riguardante il DL Urbani. Un sentito ringraziamento a La Stampa per aver

garantito ai propri lettori il diritto all'informazione che è venuto a mancare troppo spesso in questa vicenda.

 

 

Scontro Aperto

 

Se mai ne avessimo avuto bisogno, le Major continuano a dare prova della loro
suprema ignoranza in materia di internet, di pirateria informatica e di ciò che

avvantaggia o danneggia gli autori che tanto si vantano di proteggere.
Lo si evince in particolare da questa infelice dichiarazione di Walter Vacchino,
presidente dell'ANEC:

 

"A memoria, non si ricorda il caso di una legge appena entrata in vigore eppure
già polemizzata dagli stessi organi istituzionali che l'hanno proposta ed approvata"

 

Verissimo, anche se per la verità era già polemizzata dagli organi istituzionali in questione
ben prima di entrare in vigore! (Si vedano le dichiarazione dell'On. Gabriella Carlucci su Radio24)
E questa cosa, carissimo Walter, non vi fa riflettere nemmeno un pò sulla possibilità che la legge
possa essere sbagliata?? E dico "sbagliata" per non dire "palesemente anticostituzionale"...

 

"Gli errori e le approssimazioni del provvedimento prima e il soggiacere a ricatti anche
per palesi motivi preelettorali poi, non contribuiscono certo ad aumentare la fiducia
nelle istituzioni"

 

E' invece risaputo che soggiacere alle Major (che non hanno mai fatto il bene di nessuno se non il proprio)

sbattendo in galera gli innocenti aumenti notevolmente la fiducia degli elettori nelle suddette istituzioni.

 

Maggiori informazioni - corredate da assennate dichiarazioni da parte di FSFE, ILS e AsSoLi -

sono disponibili a questo indirizzo: http://punto-informatico.it/p.asp?i=48449
 

 

1/06/2004
 

Cambio di rotta?

 

"Depositato il nuovo disegno di legge che impone un cambio di rotta radicale, tanto da suscitare le ire delle Major.
Soddisfazione dei Verdi. Cortiana scrive ai lettori di PI e avverte: non è ancora finita.
"

 

Maggiori informazioni qui: http://punto-informatico.it/p.asp?i=48435

 

Nuova Petizione e Sciopero delle Connessioni

E' disponibile una terza petizione per dire NO al Decreto Legge Urbani
all'indirizzo http://www.petitiononline.com/beppe230/petition.html

E' inoltre previsto uno sciopero delle connessioni in data 6 giugno 2004:
inutile ribadire l'importanza della partecipazione a tale gesto.
 

Analisi del Decreto Legge

Disponibile all'indirizzo http://www.nexusitalia.com/leggeurbani.html un'analisi
del Decreto Legge Urbani che, per quanto palesemente faziosa, offre ugualmente
alcuni spunti interessanti.