Site hosted by Angelfire.com: Build your free website today!

Johann Diederich Sarnighausen e
Karl Heinrich Ulrichs -- Due Urninghi

John D. Sarnighausen ca. 1875. Photo:G÷ttinger Jahrbuch

Deutsch English

di Wolfgang B÷ker e Jochen Engling
T r a d u z i o n e     d i     M a s s i m o     C o n s o l i

(dal testo inglese tradotto dall'originale tedesco a cura di Michael Lombardi-Nash)

Nel 1853, Johannes (John) Diederich Sarnighausen (1818-1901) divenne curato della parrocchia di Albani a G÷ttingen, con l'incarico di dare una mano e sostituire l'allora 80 o 81enne pastore H.A.B. dottor Seidel. Con la morte di quest'ultimo, avvenuta nel 1859, anche il suo lavoro ebbe termine. Il posto di curato venne occupato da un altro teologo; Sarnighausen and˛ negli Stati Uniti dove si fece un nome come proprietario, editore e direttore di un giornale in lingua tedesca e come senatore dell'Indiana (1871-1879).

Hans-Cord Sarnighausen ha descritto con efficacia la vita del pastore di G÷ttingen -- ed i suoi vari contributi.1 Tuttavia, il vero motivo della sua partenza Ŕ avvolto nel mistero. Non si sono trovati documenti a questo proposito.2

Non si pu˛ dire che i suoi contributi professionali non abbiano soddisfatto le autoritÓ religiose a tal punto che non gli abbiano voluto pi¨ dare alcun incarico. Al contrario, come diplomato dell'"Istituto Centrale per la Guida della Chiesa",3 secondo tutte le previsioni era adatto ad una carriera al suo interno. Nel 1855 gli fu assegnata la direzione della chiesa di S. Albani, alla quale aveva diritto, e che sotto la sua egida fu restaurata e ampliata, e la parrocchia attravers˛ un periodo di prosperitÓ.4 Perci˛ sembra che come curato abbia avuto successo. Di pi¨, guadagn˛ una certa stima raccogliendo inni sacri e pubblicandoli in diversi libri. E' per questo che la mancanza di contributi difficilmente pu˛ essere addotta come motivo per il suo ritiro dai servizi della chiesa.

E allora, perchÚ decise di dare un taglio alla carriera teologica, e di emigrare? Visto che le ragioni professionali non possono esser state decisive, dobbiamo pensare ad altri motivi, pi¨ personali. Ulrichs, che si definisce un lontano cugino di Sarnighausen, ci illumina a questo riguardo.5

Karl Heinrich Ulrichs (1825, Westerfeld, vicino Aurich-1895, L'Aquila), veniva da una famiglia di teologi e impiegati statali della Frisia Orientale. Studi˛ legge a G÷ttingen e Berlino; dopo aver lasciato il servizio pubblico lavor˛ come segretario del Barone Justin T.B. von Linde, deputato della Federazione Germanica, pi¨ tardi come giornalista free-lance, poi come "studioso indipendente", e infine fu editore di un giornale in latino. Ma il motivo principale per il quale Ŕ stato onorato con una targa dalla cittÓ di G÷ttingen -- anche se Ŕ stata una placca veramente "timida" -- esposta su di un palazzo al numero 5 di Markt,6 tuttavia, Ŕ un altro: Ulrichs fu un pioniere della moderna sessuologia, la prima persona a formulare una logica teoria della sessualitÓ, anche se oggi Ŕ obsoleta, e partecip˛ attivamente all'eguaglianza legale e sociale tra eterosessuali ed omosessuali.

In un tempo di eccessiva pudicizia e ignoranza marcate dalla chiesa, dallo stato e dalla legge,7 Ulrichs si fece avanti per provare che l'omosessualitÓ era naturale e che per questa ragione non era un tipo di sessualitÓ da discriminare. Come prova di quel che andava sostenendo, tra l'altro, dimostr˛ la diffusione dell'omosessualitÓ della quale, all'epoca, nessuno aveva alcuna idea.

Ed Ŕ proprio a questo proposito che Ulrichs indica il suo parente Sarnighausen e chiarisce perchÚ quest'ultimo era emigrato nel Nuovo Mondo.

Scrive, infatti che: "In certe famiglie noi vediamo l'Uranismo8 in diverse persone, qualche volta in parecchie persone, e lo vediamo ricorrere sempre pi¨ volte. Si pu˛ provare l'esistenza di un gran numero di famiglie del genere. Avviene piuttosto spesso che ci siano due fratelli Urninghi, o anche tre, perfino tra quelli che erano stati allevati separatamente l'uno dall'altro. In altri casi, ci sono cugini, o consanguinei pi¨ lontani, che difficilmente si conoscono per nomeů Si dice pure che tra queste famiglie si trovi una casa reale tedesca.9 PoichÚ lo stesso Ulrichs era un Urningo, tutto ci˛ si applica a lui ed alla sua famiglia. Di conseguenza, e come esempio concreto, pur senza ancora chiamare le persone con il loro nome, dice di J.D. Sarnighausen: "Cosý, ad esempio, nel 1865 fui sorpreso di sapere che l'ex-pastore S. di Sant'Albani a G÷ttingen, mio lontano cugino, era un Urningo.10 Negli scritti che seguirono, Ulrichs fu pi¨ preciso su questo fatto e nomin˛ S. fornendone il nome con chiarezza: "Di pi¨, un altro ministro protestante anziano (senior), era giÓ stato accusato di Uranismo con un soldato, intorno al 1863; un Signor Sarnighausen, ministro al Sant'Albani di G÷ttingen, mio lontano cugino. Dietro il diretto intervento di Re Giorgio V, il ministero del culto e della pubblica educazione lo spinse alle dimissioni. And˛ in America".11 E ancora: "Di pi¨, un altro ministro protestante anziano (senior), era giÓ stato accusato di Uranismo con un soldato intorno al 1863; un Signor Sarnighausen, ministro al Sant'Albani di G÷ttingen, mio lontano cugino. Dietro il diretto intervento di Re Giorgio V, il ministero del culto e della pubblica educazione lo spinse alle dimissioni. And˛ in America".12 PoichÚ Ulrichs non era tipo da fare scandalo, ma aveva sempre una base fortemente scientifica per il suo argomento -- una ragione importante era la natura estremamente delicata del tema, ed un'altra era la difesa della sua teoria, con grande serietÓ, contro attacchi riempiti di indignazione morale -- siamo giustificati nell'assumere che le sue prove sono oneste e accurate: aveva scoperto che Sarnighausen era rimasto coinvolto in un affare omosessuale con un soldato e che, di conseguenza, la sua carriera professionale era finita.

E' interessante notare che questa interruzione nella carriera di Sarnighausen Ŕ confrontabile con quella sperimentata dallo stesso Ulrichs: nel 1854 si era dovuto dimettere dal servizio statale per evitare un'azione disciplinare. Era stato criticato per aver "compiuto oscenitÓ innaturali con altri uomini".13 Mentre Sarnighausen and˛ a cercare la felicitÓ in un altro paese, Ulrichs dedic˛ la vita alla decriminalizzazione degli omosessuali (e di altre minoranze), e divenne un attivista impegnato, lottando per l'eguaglianza dei loro diritti.14 "Chi studia la vita e l'opera di questo ex-impiegato statale della Frisia Orientale, resterÓ sempre di pi¨ impressionato dal grado della sua modernitÓ culturale e politica che, in merito al liberalismo ed ai diritti umani, spesso si lascia molto indietro il 19░ secolo. Per esempio, era ovvio per lui che tutti gli individui, sia ebrei che cattolici che Urninghi, meritassero eguale dignitÓ e che fossero tutti degni di godere degli stessi diritti".15

NOTA

Hans-Cord Sarnighausen, autore del saggio citato nella nota 1, vuole si sappia che: Una esauriente collezione di libri sugli inni di chiesa curati da Johann Diederich Sarnighausen Ŕ disponibile presso la biblioteca del seminario protestante di San Michele, a Hildesheim.


  1 "Johannes Diederich Sarnighausen (1818-1901) -- vom G÷ttinger Hymnologen zum Staatssenator in Indiana, USA" ("JDS: From G÷ttingen Hymnologist to State Senator in Indiana, USA", G÷ttJb. (G÷ttinger Annual) 47 (1999): 113-123. torna al testo
  2 Idem, p. 121. torna al testo
  3 Idem, p. 119. torna al testo
  4 Idem, p. 119 f. torna al testo
  5 I precisi legami di parentela tra i due non possono ancora essere stabiliti con esattezza. Il biografo di Ulrichs, Hubert Kennedy, scrive che un Sarnighausen era il nonno materno di Christian Friedrich Ulrichs, economista e doganiere di Westerfeld, vicino Aurich, morto nel 1867. Questi fu il tutore legale del nostro Karl Heinrich Ulrichs e probabilmente un cugino del padre. Hubert Kennedy, Ulrichs: The Life and Works of Karl Heinrich Ulrichs, Pioneer of the Modern Gay Movement (Boston, Alyson Publications, Inc. 1988), pp. 13, 16, 143. torna al testo
  6 Cfr, la testimonianza di Bernd Aretz su G÷ttJb. 45 (1997), pp. 195-197. torna al testo
  7 Nella metÓ del diciannovesimo secolo, nella maggior parte degli stati tedeschi gli atti omosessuali erano considerati come "fornicazione contro natura" e (in Inghilterra), fino al 1861 erano considerati crimini punibili con la pena di morte. torna al testo
  8 Con "Uranismo" Ulrichs intende l'omosessualitÓ, e con "Urningo" l'omosessuale - concetti che prese in prestito dalla mitologia greca. Il termine "omosessuale" usato oggi, fu coniato nel 1869 da Karl Maria Kertbeny. torna al testo
  9 Karl Heinrich Ulrichs, "Memnon: The Sexual Nature of the Man-Loving Urning", 1868. K.H.U., The Riddle of Man-Manly Love: The Pioneering Work on Male Homosexuality, traduzione di Michael Lombardi-Nash (Buffalo, New York, Prometheus Books, 1994), vol. II, p. 389. Tra il 1864 ed il 1880, Ulrichs svilupp˛ la sua teoria sull'omosessualitÓ in 12 volumetti, collettivamente intitolati "Ricerca sull'Enigma dell'Amore Maschile per l'Uomo". torna al testo
  10 Idem. torna al testo
  11 K.H.U., "Incubus: Uranian Love and Bloodthirstiness. A Discussion of Melancholia and Soundness of Mind. Given Rise to by the Zastrow Criminal Case in Berlin", 1869. In Ulrichs, The Riddle of Man-Manly Love, traduzione di Lombardi-Nash, p. 441. Gli atti dei processi non sono documentati nÚ negli Hanover Hauptstaatsarchiv, nÚ negli Archivi Nazionali della Chiesa. Ambedue le istituzioni hanno gentilmente fornito informazioni. torna al testo
  12 K.H.U., "Argonauticus: Zastrow and the Urnings of the Pietistic, Roman Catholic, and Freethinking Parties", 1869. In Ulrichs, The Riddle of Man-Manly Love, traduzione di Lombardi-Nash, p. 482. torna al testo
  13 Rapporto del Pubblico Ministero di Hildesheim al Ministro della Giustizia dell'Hannover, citato in Kennedy, p. 27. torna al testo
  14 Gli sforzi di Ulrichs ebbero successo, tuttavia, solo quando il Paragrafo 175 venne liberalizzato nel 1969 e infine abrogato dal codice penale nel 1994, cioŔ, approssimativamente 100 anni dopo la sua morte. L'infiammata discussione sulla proposta di legge che riguarda i partners nelle coppie dello stesso sesso, mostra che la battaglia Ŕ ben lontana dal potersi considerare conclusa. torna al testo
  15 Volkmar Sigusch, Ein urnisches Sexualsubjekt ("Un Soggetto Sessuale Uraniano"), Z. Sexualforsch. (Giornale di Ricerche Sessuali) 12 (1999), p. 238. torna al testo

(C) 2002 da Massimo Consoli

Altri scritti di o su Ulrichs in Italiano

Return to Top of Page
Return to G÷ttingen
Return to Publications
Return to Memory Book Table of Contents
Return to Celebration

We Remember
September 11, 2001: Gay Victims & Heroes


Visitors since October 11, 2002