Site hosted by Angelfire.com: Build your free website today!

La Sfera



Quale me sono io?

Vi sono più cose in cielo e in terra di quante se ne sognino nella vostra filosofia
Amleto (da "Amleto" di W. Shakespeare)


La Teoria dei Cerchi

Io immagino la vita come una lunga strada verso un qualcosa che si trova al di là di essa. Questa strada non è dritta, ma piena di curve, salite, discese, ostacoli di tutti i tipi. E poi ci sono i Cerchi.
I Cerchi sono situazioni che si ripetono continuamente, magari in ambiti diversi, magari con persone diverse, ma a guardar bene ci sono dei tratti importanti e ricorrenti che possono far capire di essere in un Cerchio.
Quando ci si trova dentro ad un Cerchio, quando ci si immette consciamente o incosciamente sempre nella stessa situazione o nello stesso problema, non è facile rendersene conto. Girare in un Cerchio, invece di proseguire lungo la strada della propria vita, è sbagliato. Fa perdere tempo. Essere in un Cerchio ha un preciso significato. Se il proprio inconscio ci spinge sempre verso una direzione è perché lì dobbiamo capire qualcosa.
Uscire da un Cerchio è molto difficile, e più volte si gira, più aumenta la difficoltà di rompere quel Cerchio. Si può chiaramente girare contemporaneamente in più Cerchi. E questo complica tutto, perché quello che sembra un solo problema in realtÓ potrebbero essere vari problemi solo apparentemente uniti.

Il Trucco della Fenice

Tutto ciò che nasce deve morire, prima o poi. L'unico modo che ha per resistere in eterno è quello di saper rinascere dalle proprie ceneri, come una fenice. Anche la natura muore in autunno e rinasce in primavera, così come il giorno muore al tramonto e nasce all'alba, mentre la notte muore all'alba e nasce al tramonto. E' inutile tentare di mantenere in vita una cosa che è destinata a morire. L'importante è saper farla rinascere. Muoiono vecchi modi di fare, vecchi modi di vivere, vecchi modi di amare, poi, se ce n'è la volontà, ne nascono nuovi. Tutto deve mutare forma per non annientarsi.

Il Segreto del Sole

Il sole conduce sempre la stessa identica vita da sempre. Eppure la sua esistenza non è monotona, perché nonostante ogni giorno si svegli, lasci la terra, la desideri tutto il giorno e poi torni da lei, lo fa sempre in modo diverso: un giorno si alza da dietro una montagna e illumina un prato, il giorno successivo si alza dal mare, tenta di illuminare la sabbia, lottando contro le nuvole che si ostinano a nasconderlo, poi, stanco di tutto questo, torna alla terra. A volte il suo desiderio per la terra è molto intenso e così la scalda molto prima di raggiungerla, a volte desidera il mare e vi si tuffa dopo aver arrossito di felicità.
Non è il sole a cambiare, ma chi lo guarda.

Grazie a LadyNera e a Joker per il Segreto del Sole


All'alba

1995
Sorge un nuovo sole, un nuovo giorno,
un'altra fetta della mia vita,
insieme a quel pallido rosso sole che s'alza.
Non sa cosa mi porterà, mi darà, mi farà sognare,
ma già il sole si illumina e forse
porterà fino alla sua fine
le speranze di questa giornata.

Al tramonto

1995
Addio per sempre, tu, sole di oggi,
ne ho visti tanti morir come te,
rossi d'ira, felicità o tristezza,
per un giorno in meno.

Muori tu e ne nascerà un altro nuovo,
ma non sarà mai lo stesso, non sarà
mai come lo eri stato tu, non avrà
quello che mi hai portato tu,
sia stata sofferenza o allegria,
speranza o tristezza.

Il viandante

15 febbraio 1997
Sono un cieco viandante solitario
che cerca i suoi occhi persi nel buio,
sono un nomade senza un nome,
che non conosce più dove cercarsi.
Condannato a questa solitudine
da un'insostenibile incomprensione,
dalla profondità della mia anima...
mi chiedo quante volte rinascere
prima che possa ritrovar me stesso
e la pace, scopo di questa vita.
La mïa casa è questo strano mondo,
ricco di bellezza e dell'amore,
che ora ha dimenticato i segreti
e le gioie dell'eterna esistenza.